“Tokyo Express” di Seicho Matsumoto

Ciao a tutti, sono Laura e oggi parlerò della mia ultima lettura a tema orientale. Si tratta, forse, dell’opera più famosa di Seicho Matsumoto, autore giapponese nato nel 1909. Specifico questo perché, nel corso della lettura, mi è stato utile più volte ricordare che il libro è stato scritto da un uomo nato più di un secolo fa. Ma andiamo con ordine.

Il romanzo si apre con un duplice suicidio, una coppia di amanti viene ritrovata su una spiaggia isolata. Dalla prima analisi risulta chiara l’assunzione da parte di entrambi di una dose letale di cianuro e la dinamica dei fatti appare così chiara che la polizia decide presto di archiviare il caso. Ma l’investigatore Torigai Jutaro non ne è convinto: la ricevuta del vagone ristorante per una sola persona gli fa sorgere il dubbio che i due non fossero una coppia. Anche un altro giovane investigatore di Tokyo nutre le sue stesse perplessità, soprattutto perché il suicida era al centro di un grosso scandalo per corruzione. Inizieranno così a sbrogliare una fitta matassa, legata saldamente agli orari dei treni e alle linee ferroviarie (il titolo inglese dell’opera Points and Lines, forse rende di più l’idea).

“Tokyo Express” è un giallo noir con uno schema classico: piccola introduzione, evento criminale, indagine e soluzione. Io, però, ho trovato di più. Ho visto un affresco del Giappone tramite gli occhi di un giapponese, le cose che a noi occidentali appaiono strane per loro sono la normalità (due esempi per tutti: l’affidabile puntualità dei treni e la precisa burocrazia che supportano sia il delitto che l’indagine).

Ho detto che conoscere il periodo in cui ha vissuto Seicho Matsumoto mi ha aiutata, infatti mi sono riuscita a immedesimare nel lettore degli anni 60 che si trovava tra le mani questo libro: quanto doveva essere affascinante immaginare questi treni che, velocissimi, collegavano tutto il Giappone! Oggi, noi siamo abituati a un mondo globale dove in poche ore possiamo spostarci di migliaia di chilometri e quindi nessuno si stupirebbe di trovare una persona in due posti lontanissimi nello stesso giorno, ma all’epoca non era così. Proprio per questo, l’enigma appare intricato. Solo una mente attentissima poteva pianificare un delitto così difficile da provare: gli investigatori hanno un presentimento fin da subito, ma presentare le prove per avvalorare la loro tesi si rivela difficile e spesso si trovano di fronte problemi “temporali” e “spaziali” che sembrano insormontabili.

Mi sono divertita durante questa lettura, saltando tra una stazione e l’altra all’inseguimento della giusta coincidenza. Ricostruire i movimenti del colpevole è stato difficile ma, una volta che tutti gli orari e le coincidenze erano stati individuati, lo schema è apparso chiaro ai miei occhi.

Consiglio questa lettura agli amanti dei treni perché sono il fulcro della narrazione e, soprattutto, agli amanti dei gialli meticolosi e matematici dove tutto è studiato nei minimi dettagli.

Laura

7 risposte a "“Tokyo Express” di Seicho Matsumoto"

Add yours

  1. Grazie Laura, interessante! 😉 Pochi giorni fa, approfittando di un buono Amazon in scadenza, ho ordinato de libri, di cui uno è proprio un giallo (“Arab jazz”, di Karim Miské, ed. Fazi); appena lo leggerò poi ti farò sapere! 🙂 Buonanotte a tutte e due! ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: