Il finale del libro della vostra vita: risultati

Ciao a tutti! Qualche articolo fa, avevamo posto la domanda “Leggereste il finale del libro della vostra vita?“.

Accogliendo il suggerimento del blog La leggenda di Nitrodi (un bellissimo romanzo di Tina Taliercio di cui potrete leggere la recensione qui) che ci invitava a fare una statistica dei “sì” e dei “no”, abbiamo deciso di rivelarvi i risultati ottenuti sia qui che sulle nostre pagine Facebook e Instagram.

Diciamo che non c’è molto da dire: la stragrande maggioranza delle persone non vorrebbe mai scoprire il proprio futuro prima del tempo. Soltanto un paio di persone la pensano come Elena e vorrebbero scoprire cosa li attende (forse un disperato tentativo di cambiare le cose prima che succedano? Oppure mettersi solamente l’anima in pace?). Tutti gli altri la pensano come Laura: mai scoprire nulla, sia per non sentirsi sotto pressione e sia perché alcuni “vogliono scrivere il proprio libro giorno dopo giorno”.

E questo è quanto. Speriamo che questo “giochino” vi sia piaciuto e che vi abbia dato modo di pensare a qualcosa su cui non avreste mai riflettuto (magari scoprendo qualcosa di nuovo sul vostro modo di vedere la vita).

A presto!

Elena e Laura

21 risposte a "Il finale del libro della vostra vita: risultati"

Add yours

  1. non consulto l’oroscopo, rifiuto la lettura della mano, aborro il pendolino e altre predizioni varie, non tanto perchè non ci creda, quanto perchè non voglio farmi condizionare nelle scelte future. Figuriamoci consultare un libro che con parole esatte mi dica cosa sarà di me!
    🙂
    ml

    Piace a 1 persona

  2. Ringrazio Elena e Laura per avermi citata in modo peraltro così carino. I risultati del sondaggio esprimono con chiarezza inequivocabile che preferiamo scoprire pian piano cosa ci riserva la vita. Mi sovviene un pensiero del risvolto di copertina di un bel romanzo di Ian Mc Ewan, “Bambini nel tempo”: “Ed è straordinaria la capacità di scrittura di tenere insieme istanze tanto diverse e contrastanti, riconducendole a un grumo indivisibile di disperazione e umorismo, rassegnazione e rabbia, speranza e depressione: un grumo che in definitiva rassomiglia terribilmente alla vita di ognuno di noi”.
    In queste poche righe si racchiude, secondo me, il compendio e il senso delle esperienze dell’esistenza, intrise di sentimenti ed emozioni a volte in contrasto tra di loro, altre volte in alternanza, ma che comunque danno identità a ciascuno di noi e meritano di essere vissute man mano che si manifestano. Perché la nostra vita è unica e non può essere che assaporata (sia nel suo gusto dolce che in quello amaro) giorno per giorno.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: