Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

“12 giorni a Natale” di Trisha Ashley

Buongiorno amici! Sono Elena. Siccome noi adoriamo il Natale, nonostante la situazione di questo sfortunato 2020, in questo periodo continuiamo a proporre letture natalizie e tutto ciò che concerne questa festività.

Oggi vi parlerò di “12 giorni a Natale”, una lettura rilassante ed economica (la versione cartacea è costata pochi euro) che vi accompagnerà nella brughiera del Lancashire.

ꕥ⭒ღ❀☼∘ Trama ∘☼❀ღ⭒ꕥ

Il Natale è sempre un momento triste per Holly Brown, che da poco ha perso l’amore della sua vita, così, quando le chiedono di andare a lavorare in una casa isolata nella brughiera del Lancashire, accetta di buon grado per sopravvivere a quei giorni in cui tutti sono felici.
Jude Martland è uno scultore, e non intende festeggiare il Natale dopo che suo fratello è scappato proprio con la sua fidanzata. È deciso a evitare la casa di famiglia, anche se gli sarà impossibile non tornare per l’occasione in cui si riuniscono al completo. Quando Jude si presenta all’improvviso, la vigilia di Natale, è tutt’altro che felice di scoprire che Holly si sta occupando di organizzare il party a cui sperava di sottrarsi. Ma quando, senza preavviso, una tempesta di neve ricopre tutto il villaggio, Holly e Jude si rendono conto che forse i loro desideri stanno per essere esauditi. E che le odiate feste potrebbero trasformarsi in qualcosa di molto interessante…

ꕥ⭒ღ❀☼∘

Questo romanzo mi è piaciuto molto. Il genere è rosa, lo definirei un “rosa natalizio” scritto in prima persona. Una nota negativa da segnalare sono i troppi punti esclamativi (ultimamente non mi piace trovarli in ciò che leggo) e che le pagine sono scritte in modo molto fitto, senza interlinea e con carattere piccolo. Secondo me, i libri di questo genere, scorrevoli e leggeri, hanno bisogno anche della giusta impaginazione. Comunque, a parte questi piccoli problemi, non ho altre note negative da segnalare. In altre recensioni, invece, ho riscontrato molti pareri non proprio belli; chi diceva che è noioso, chi lo ha definito un libro di ricette… mamma mia!

La protagonista, Holly, è chef, perciò nel libro sta sempre dietro ai fornelli e racconta anche i piccoli dettagli sulla cucina. L’autrice, a mio parere, ha avuto la simpatica idea di lasciare tre ricette (tipiche della zona in cui è ambientato il romanzo) per i lettori. Quindi, se ci sono tre ricette in croce il romanzo diventa un libro di cucina? Non ho parole. Se volevano leggere qualcosa di “più serio” dovevano cambiare genere, no?

Holly è un po’ tonta (la solita protagonista che non si accorge che il “bello” di turno si è innamorato di lei) e a volte un po’ antipatica (quando fa la risoluta sempre con il “belloccio”). Parallelamente sta anche leggendo il diario di sua nonna il cui destino si intreccerà fatalmente con quello della famiglia Martland. Un po’ di intreccio ci voleva, no? E non è nemmeno troppo banale, per essere un romanzo natalizio. Mi sto rendendo conto di scrivere con una punta di acidità (mentre scrivo ho un gran mal di testa), ma il libro mi è piaciuto sul serio! Infatti lo consiglio, anche perché ripeto, costa pure poco.

Lo avete letto? State leggendo qualcosa a tema natalizio? Fatemelo sapere nei commenti, sono curiosa!

Elena

12 risposte a "“12 giorni a Natale” di Trisha Ashley"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: