“Un bacio nella piccola bottega del tè” di Caroline Roberts (seguito di “La piccola bottega del tè”)

Ciao a tutti, sono Elena! Iniziamo con le recensioni natalizie, quanto mi piacciono!🤗🎅🏻🎄

Il romanzo “Un bacio nella piccola bottega del tè” non è altro che il seguito di “La piccola bottega del tè” che mi era piaciuto molto. Si trattava di un romanzo scorrevole e leggero che ha inaugurato le mie letture autunnali dello scorso anno. Questo seguito non mi ha entusiasmata molto, purtroppo, ma è stato comunque piacevole perché lo stile dell’autrice è rimasto lo stesso.

Diciamo che “Un bacio nella piccola bottega del tè” si potrebbe leggere benissimo anche senza aver letto il precedente, ma la troverei una cosa senza senso. Perciò, vi consiglio di leggere prima “La piccola bottega del tè” che, oltre a essere decisamente più bello, ha un prezzo molto economico.

Allora partiamo dal principio. Di cosa parla “La piccola bottega del tè”?

Ellie Hall ha un solo desiderio: dimenticare la vita di città e dedicarsi con amore alla piccola bottega del tè di Claverham Castle, per realizzare il suo sogno di bambina. Niente più noiosi calcoli al computer, finalmente: nelle sue giornate ci saranno solo tazze fumanti accompagnate da torte e biscottini, e amabili chiacchiere con i clienti. Tutto questo è però guastato dallo scorbutico Lord Henry, proprietario del castello, contrario ad aprire le porte della propria dimora ai visitatori. Ma Ellie non ha alcuna intenzione di perdere ciò per cui ha tanto lottato e così, cupcake dopo cupcake, con la sua bottega conquista il cuore degli abitanti, e i suoi dolci diventano l’attrattiva principale del posto. Ora tutto quello che manca nella vita di Ellie è un pizzico di romanticismo: sarà forse Joe, lo scontroso amministratore della tenuta, a donarle un po’ di inaspettata dolcezza?

Ok, se la trama vi ha incuriositi, non leggete quella di “Un bacio nella piccola bottega del tè” o potreste avere degli SPOILER (anche se non ci vuole uno scienziato per capire come andrà a finire).

Cosa succede, allora, dopo?

Cupcake dopo cupcake, Ellie Hall si è conquistata la simpatia e il rispetto di tutti nel pittoresco Claverham Castle. Persino l’avaro Lord Henry ha dovuto ammettere che Ellie è riuscita a riportare al suo antico splendore la piccola bottega del tè. I dolcetti che sforna sono dei veri capolavori, al punto da diventare una presenza irrinunciabile in tutti i matrimoni celebrati al castello.
I dipendenti di Ellie adorano contribuire con un pizzico di dolcezza ai sogni romantici delle coppie, ma saranno messi a dura prova da un’impresa titanica. Natale infatti è proprio dietro l’angolo e una prenotazione dell’ultimo minuto rischia di far saltare i piani di tutti. Ellie e il suo adorabile marito, Joe, avevano altri progetti per le feste, ma sono determinati a regalare a questa coppia speciale il matrimonio che hanno sempre desiderato…

Come dicevo, il primo romanzo mi piacque molto e mi affezionai ai personaggi, tanto da rimanermi impressi a distanza di un anno. Quando mi è capitato di trovare in libreria il seguito a prezzo scontato ne sono stata felice, ma iniziando la lettura mi sono subito annoiata. Sono arrivata alla conclusione che sarebbe stato più bello lasciare solo il primo romanzo, perché nel secondo si parla soltanto di matrimoni, cucina e di Ellie e Joe che tentano di avere un figlio. Certo, i protagonisti sono carini ed è bello leggere delle loro vicissitudini, ma sinceramente mi hanno un po’ annoiata. L’autrice, in questo caso, non ha saputo trovare l’intreccio giusto per coinvolgere il lettore con qualcosa che lo invogliasse ad arrivare alla fine. Mi dispiace fare una recensione negativa, ma questo seguito non è all’altezza del primo romanzo. Il lato positivo, però, è che le ambientazioni natalizie nel castello di Claverham sono davvero carine e si possono adattare perfettamente per chi cerca una lettura leggera e senza pretese. Inoltre, la copertina è davvero carina. Di certo, lo comprerei di nuovo, sia per avere entrambi i romanzi sullo scaffale della mia libreria sia perché, nonostante tutto, è un genere della mia comfort zone.

Elena

10 risposte a "“Un bacio nella piccola bottega del tè” di Caroline Roberts (seguito di “La piccola bottega del tè”)"

Add yours

  1. Questi libri sono una bella idea per un regalo natalizio anche dell’ultimo minuto. Anche perché i libri della Newton Compton sono davvero alla portata di tutti in fatto di prezzo (vantaggiosissima l’offerta 2×1 a 9.90€ che alcuni supermercati e non solo, ad esempio, il Bennet, fanno durante alcuni periodi dell’anno, 👍).

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: