“I segreti della famiglia Herington” di Wendy Francis

Ciao a tutti! Sono Elena e volevo parlarvi della mia ultima lettura: “I segreti della famiglia Herington” di Wendy Francis. Non avevo mai letto nulla di quest’autrice e devo dire che il libro era scritto molto bene, ma nonostante questo, non mi ha coinvolta. Mi dispiace dover recensire negativamente un romanzo, ma non sono riuscita ad appassionarmi a questa vicenda.

E poi, io sono una che si innamora delle copertine (un libro non si giudica dalla copertina? Ma anche no!) e questa non invoglia per niente alla lettura.

dav

ꕥ⭒ღ❀☼∘ Trama ∘☼❀ღ⭒ꕥ

Le ragazze Herington sono di nuovo insieme per un’estate nella casa di famiglia di Cape Cod. Quest’anno, però, hanno portato con sé più segreti che valigie. Maggie, la più grande, è preoccupata per il divorzio dei genitori e per il suo desiderio di avere un figlio: teme sia troppo tardi. Jess ha un matrimonio che scricchiola e non ha il coraggio di dire a Maggie la verità. Virgie, la più giovane, è sempre stata concentrata sulla carriera, ma ora c’è un uomo nella sua vita. Come se non bastasse, un incidente sta per portare a galla un nuovo segreto…

ꕥ⭒ღ❀☼∘

Ho acquistato questo libro involontariamente: era in un box assieme ad altri due volumi di autori diversi. I temi trattati sono importanti: divorzi, tradimenti, sclerosi multipla, ossessione e disturbo di accumulare oggetti. Nonostante questo, il romanzo è molto piatto. Non ho provato empatia per i personaggi, non ho provato coinvolgimento per i loro problemi, nulla. Mi dispiace non essermi affezionata a nessuno, mi succede sempre, ma in questo caso no. Eppure la scrittura era scorrevole, forse l’autrice non è riuscita a dare quel qualcosa in più alla propria opera, perché il problema è che manca proprio qualcosa. Il titolo originale è “The Summer of Good Intensions” ed è più appropriato rispetto a “I segreti della famiglia Herington”, in cui uno si aspetta di trovare chissà quali misteri e intrecci a sfondo familiare.
La vicenda viene narrata dai diversi punti di vista dei personaggi, ma lo stile rimane sempre lo stesso, non si nota quasi il cambiamento della prospettiva.
I personaggi non sono ben caratterizzati e i dialoghi sono un po’ banali. Una parte che mi è piaciuta riguarda le descrizioni delle protagoniste riguardo i loro ricordi dell’infanzia nella casa di Cape Cod.

In un certo senso, Maggie considerava più sua la casa a Cape Cod di quella vittoriana sconnessa sulla costa meridionale di Boston. La casa delle vacanze, dove lei e le sue sorelle andavano fin da piccole, conservava alcuni dei suoi ricordi più preziosi: i falò sulla spiaggia, i marshmallow arrostiti sul fuoco, il primo bacio, la prima delusione d’amore e il giorno del matrimonio con Mac, sotto un grande tendone bianco sulla sabbia. Suo padre era sceso a maggio per un controllo generale della casa, ma un odore di chiuso misto a qualcosa di dolce, come profumo per ambienti, li accolse non appena varcata la porta principale.

***

I passerotti cinguettavano sulle vecchie querce e sui pini disseminati per la piazza cittadina. Maggie ispirava mentre pedalava, un misto di sale e pino le pungeva il naso, dandole un curioso senso di libertà.

Nonostante alcune descrizioni, ho fatto fatica a terminare il libro: non vedevo l’ora di arrivare alla fine, ma purtroppo non per il desiderio di scoprire che fine avrebbero fatto i personaggi (seppure, a loro modo, fossero abbastanza piacevoli).

Posso dirvi di leggerlo, magari quest’estate sotto l’ombrellone, se lo doveste trovare in libreria per pochi euro e se aveste bisogno di una lettura molto leggera e poco impegnativa (alcune pagine le scorrevo con gli occhi senza concentrarmi troppo).
Non mi sento però di consigliarlo come lettura “di quelle che ti rimangono dentro”: a me ha lasciato poco e nulla.

Spendo però alcune parole in favore dell’autrice che si è documentata sulle malattie affrontate in questo romanzo parlando con medici e amici. Inoltre ha avuto la forza di continuare a scrivere nonostante la malattia della madre che non ha potuto leggerlo perché è mancata. Magari proverò a darle una seconda opportunità e a leggere qualche altra sua opera in futuro.

A presto!

Elena

7 risposte a "“I segreti della famiglia Herington” di Wendy Francis"

Add yours

  1. Ciao Elena, il fatto di scegliere un libro in base alla copertina a me capita, qualche volta, quando vado in biblioteca (mentre quando compro i libri sono molto più “pignola”). Ho trovato sia libri con una bella copertina ma con una storia brutta che copertine brutte ma con una storia bella, poi ogni cosa è soggettiva. 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: